I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra cookie policy.

L'opera presentata, "Il Matrimonio Segreto" di Domenico Cimarosa (1749-1801), è stata eseguita al Teatro Nazionale di Malta con l'Orchestra Nazionale di Malta il 22 ed il 23 di marzo 2005 interamente con giovani artisti siciliani. I costumi, le attrezzerie, le luci e l'assistenza tecnica sono stati forniti dalla Fondazione Teatro Massimo di Palermo. Il Teatro Biondo Stabile di Palermo ha fornito assistenza per gli allestimenti. Inoltre, ulteriori aiuti e assistenza sono provenuti dalla Sartoria Pipi , dalla Ditta Di Mattei e dal Consorzio S.A.L.I. onlus.

Grazie all'intervento dell'Assessorato Regionale al Turismo Regione Siciliana e con la collaborazione delle giunte Comunali di Sambuca di Sicilia (Ag) e di Ficarazzi (Pa), è stato possibile proporla nelle bellssime cornici del Teatro Comunale Idea a Sambuca e presso la Villa Merlo a Ficarazzi, proponendo alcuni fra i tanti talenti siciliani. La scelta di Sambuca di Sicilia e di Ficarazzi non è stata casuale in quanto i giovani siciliani dell'associazione perseguono da tempo l'obiettivo della circuitazione della lirica nei teatri ottocenteschi siciliani. In quest'occasione, ricordiamo il compianto Sovrintendente della storica riapertura del Teatro Massimo di Palermo Ing. Attilio Orlando, il quale ci ha trasmesso per primo il sogno della circuitazione sul territorio siciliano.

Il Matrimonio Segreto
di Domenico Cimarosa
su libretto di G. Bertati
Prima rappresentazione a Vienna
Burg theater, 7 febbraio 1792.

E' noto il successo clamoroso della prima rappresentazione e il fatto senza uguali che l'imperatore Leopoldo II° si facesse ripetere l'intera opera la stessa sera. La fortuna del Matrimonio Segreto, tuttora una delle più celebri opere buffe italiane sopravvisse all'eclissi dell'opera comica settecentesca, che nel primo ottocento, alla comparsa dei primi capolavori dell'età romantica, appariva irrimediabilmente antiquata. Vi si cimentarono anche i maggiori cantanti della nuova generazione, Maria Malibran, Rubini, Lablache, Tamburini, per citare i più celebri.