I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra cookie policy.

Il Convegno Internazionale di studi "Il Farinelli e gli evirati cantori" avrà luogo il 5 e 6 aprile 2005, nell'Aula Magna della Biblioteca Universitaria di Bologna. Al Convegno, organizzato del Centro Studi Farinelli in collaborazione con la Biblioteca Universitaria di Bologna, nell'ambito delle Manifestazioni per il 300° anniversario della nascita del celebre cantante Carlo Broschi detto il Farinelli, parteciperanno i più autorevoli studiosi del Farinelli, provenienti da tutto il mondo.

I lavori saranno aperti dalla Direttrice della Biblioteca Universitaria di Bologna, Biancastella Antonino e dal Rettore del Collegio di Spagna, José Guillermo García Valdecasas, Presidente onorario del Centro Studi Farinelli. La prima giornata, presieduta da Patrick Barbier e Sandro Cappelletto, autori di due importanti monografie dedicate al Farinelli, sarà dedicata al lascito bolognese del celebre cantante, con interventi di Francesca Boris, Marina Calore, Michele Catarinella, Elisabetta Landi, Sandra Sacconi, Sabine Radermacher. Seguirano interventi sulla fortuna di Farinelli all'estero, in particolare in Spagna, in Inghilterra e a Vienna, con interventi di Xavier Cervantes, Thomas McGeary, Nicolas Morales, Margarita Torrione, Mario Valente.

Nel pomeriggio del 5 aprile alle ore 16.30 avrà luogo una Tavola rotonda presieduta da Lorenzo Bianconi, con l'intervento di quattro giovani autorevoli interpreti del repertorio farinelliano, Massimiliano Arizzi, Matteo Caria Marongiu, Flavio Ferri Benedetti, Andrea Zepponi, che tratteranno le problematiche relative l'esecuzione di questo repertorio e si esibiranno successivamente in un concerto, realizzato con la collaborazione dell'Associazione Clavicembalistica Bolognese, accompagnati da Diadorim Saviola al clavicembalo. I brani musicali saranno intercalati dalla lettura di brani tratti dall'epistolario Farinelli-Metastasio conservato alla Biblioteca Universitaria di Bologna. Lettore: Alessandro Zurla.

La giornata del 6 aprile, presieduta da Mario Armellini, sarà dedicata allo studio delle problematiche relative agli evirati cantori nei vari contesti storici europei, ad ai più celebri cantanti del Settecento, quali il Cusanino, Pacchierotti, Bruni, il Senesino, Domenico Gizzi, con interventi di Patrick Barbier, Stefano Gizzi, Maria Pia Jacobini, Nicola Lucarelli, Vincenzo Lucchese, Roberto Pagano. Seguirà un intervento di Diadorim Saviola sul repertorio clavicembalistico dal XVIII ai nostri giorni e la presentazione del libro Il fantasma del Farinelli, edito dalla Libreria Musicale Italiana, con interventi di Luigi Verdi e Carlo Vitali. Il libro raccoglie gli Atti del Centro Studi Farinelli dal 1998 al 2004 e approfondisce in particolare il problema relativo all'iconografia farinelliana, descrivendo due ritratti ad olio del Farinelli, recentemente venuti alla luce a Bologna e a Sydney.

La giornata proseguirà, alle ore 15.00, con una visita alla tomba del Farinelli, recentemente restaurata, e alle tombe dei musicisti celebri sepolti alla Certosa di Bologna (in collaborazione con il Comune di Bologna-Progetto Nuove Istituzioni Museali e Lavori Pubblici). Concluderà la giornata l'inaugurazione della mostra storico-documentaria "Il Farinelli a Bologna", alle ore 17.30 presso il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica. Il Convegno è stato realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, e con il Patrocinio del Comune di Bologna - Cultura e rapporti con l'Università e dell'Istituto per i beni artitici culturali e naturali dell'Emilia-Romagna. In occasione del Convegno verrà allestita nell'atrio dell'Aula Magna della Biblioteca Universitaria una esposizione di lettere tratte dall'epistolario Farinelli-Metastasio e di codici musicali antichi appartenenti alla Biblioteca Universitaria.

Sergio Albertini