I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra cookie policy.

Ancora una volta la Stagione lirica e di balletto si inaugura con un'opera in prima esecuzione in Italia: Oedipe di George Enescu. Il Teatro Lirico di Cagliari continua così, anche nel 2004, il percorso iniziato nel 1998 con l'opera Le fate di Richard Wagner (una proposta musicale che fece ottenere al CD registrato dal vivo il premio della critica quale miglior disco dell'anno), proseguita nel 1999 con Dalibor di Bedrich Smetana, nel 2000 con Gli stivaletti di Petr Il'ic Cajkovskij, nel 2001 con Elena egizia di Richard Strauss, nel 2002 con Euryanthe di Carl Maria von Weber, nel 2003, con Opricnik di Petr Il'ic Cajkovskij, nel 2004 con Alfonso ed Estrella di Franz Schubert, tutte opere incise in collaborazione con Dynamic.

Si apre, quindi, il 7 gennaio (con repliche fino al 16) con la prima italiana di "Oedipe", tragédie lyrique in quattro atti e sei quadri su libretto di Edmond Fleg dall'"Edipo Re" e dall'"Edipo a Colono" di Sofocle, musica di George Enescu, in lingua originale con sopratitoli in italiano. Nella parte del protagonista Stefan Ignat, affiancato dal Tiresias di Georg-Emil Crasnaru, dal Crèon di Carmelo Corrado Caruso. Accanto a loro, il cast prevede Cinzia De Mola, Gael Le Roy, Ildiko Komlosi, David Rendall, Garry Magee, Irina Doljenko, Giorgio Giuseppini, Enzo Capuano, Max René Cosotti e Giovanni Battista Parodi. Sul podio, Cristian Mandeal; la regia è affidata a Graham Vick, con scene e costumi di Tim Northam e luci di Peter Kaczarowski.

Il "don Giovanni" di Mozart, in un allestimento cagliaritano firmato da Ezio Frigerio e Franca Squarciapino per la regia di Strehler ripresa da Marina Bianchi, va in scena dal 25 febbraio al 9 marzo; il cast prevede la partecipazione di Ruggero Raimondi/Andrea Concetti (Don Giovanni), Giuseppe Filianoti/Blagoj Nakoski (Don Ottavio), Carmela Remigio (Donna Anna), Adriana Damato/Nausica Policicchio (Donna Elvira), Elisabeth Norberg-Schulz/Rosanna Savoia (Zerlina), Erwin Schrott (Leporello), Roberto Accurso (Masetto), Paolo Battaglia (Il Commendatore); sul podio, Gérard Korsten. Dal 18 al 24 marzo è di scena la danza con la "Cenerentola" di Sergej Prokofiev, con il Finnish National Ballet, coreografia di Ben Stevenson, scene e costumi di David Walker, luci di John B. Read; l' Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari sarà diretta da Kari Kropsu.

Ancora danza, per il V Festifal di Sant'Efisio: dal 20 al 28 aprile "Giselle", balletto fantastico in due atti su musiche di Adolphe Adam con il Balletto Accademico Statale del Teatro dell'Opera di Novosibirsk, coreografia di Jean Coralli, Jules Perrot, Marius Petipa messa in scena da Sergej Vikharev e con étoiles ospiti Darcey Bussell e Roberto Bolle. Dal 3 al 12 giugno tocca al "Simon Boccanegra" melodramma in un prologo e tre atti di Giuseppe Verdi in un allestimento della Royal Opera House di Londra per la regia di Elijah Moshinsky, scene di Michael Yeargan, costumi di Peter J. Hall, luci di John Fox; gli interpreti pricipali sono Carlo Guelfi, Annalisa Raspagliosi, Fabio Sartori, Orlin Anastassov, Marco Di Felice; dirige Paolo Arrivabeni.

Ultima opera in cartellone, dal 20 luglio al 2 agosto, "Carmen" di Bizet, una nuova produzione per la regia Stephen Medcalf, scene e costumi di Jamie Vartan, luci di Simon Corder; sul podio, Rafael Frühbeck de Burgos, mentre i panni della gitana saranno indossati da Ekaterina Semenchuk/Ana Häsler, Don Josè sarà interpretato da Marco Berti/Gustavo Porta, assieme a Anja Harteros, Erwin Schrott, Teresa Di Bari, Damiana Pinti, Fernando Ciuffo, Gianluca Floris, Alessandro Guerzoni, Alessandro Battiato. Eva Mei, András Schiff, Uri Caine, Roberto Abbado, Richard Galliano; compagini come l'Amsterdam Baroque Ensemble; artisti quali Ton Koopman, Richard Stoltzman, Christopher Hoogwood, Vadim Repin, Itamar Golan, Stephen Hough, Andrea Lucchesini, Mario Brunello, Alessio Allegrini, Cristina Ortiz; complessi da camera come Belcea Quartet, Wiener Kammerensemble, Quartetto di Fiesole: questi i protagonisti della Stagione concertistica 2004-2005 del Teatro Lirico di Cagliari. Una Stagione che vedrà in primo piano l'Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari, diretti, rispettivamente, da Gérard Korsten e da Paolo Vero.

L'inaugurazione, venerdì 22 ottobre alle 20.30 e sabato 23 ottobre alle 19, sarà, appunto, affidata, come ormai consuetudine, all'Orchestra e al Coro del Teatro Lirico, diretti da Günter Neuhold, che interpreteranno un programma interamente dedicato a Beethoven: la Messa in do maggiore, una tra le più raffinate composizioni musicali di carattere sacro e la celeberrima Sinfonia n. 5. Solisti d'eccezione: Carmela Remigio, Anna Bonitatibus, Yasu Nakajima, Giovanni Furlanetto. Venerdì 5 e sabato 6 novembre, ritornano in scena l'Orchestra e il Coro del Teatro Lirico che, diretti da Pietari Inkinen, eseguiranno il Concerto per violino e orchestra di Sibelius (solista Pekka Kuusisto) e il raffinato Stabat Mater di Francis Poulenc affidato all'intensità di Eva Mei, soprano dalla voce cristillana e notissimo al pubblico cagliaritano per le sue indimenticate interpretazioni belcantistiche. Il 12 e il 13 novembre, il clarinettista Richard Stoltzman nel Concerto per clarinetto e orchestra di Aaron Copland sarà il fulcro del programma dell'Orchestra del Teatro Lirico, diretta da Tomas Netopil, che include anche Gershwin e Brahms.

Il direttore musicale Gérard Korsten, dirige l'Orchestra del Teatro Lirico in due interessanti concerti: il 19 e 20 novembre con Alessio Allegrini, primo corno dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, in un programma che spazia da Mozart e Richard Strauss a Brahms e il 10 e 11 dicembre con il violino di Anna Tifu, giovane ed affermata stella cagliaritana che si esibirà nel trascinante Concerto per violino e orchestra di Cajkovskij. Wolfgang Amadeus Mozart ed Alfred Schnittke saranno interpretati, nel concerto del 26-27 novembre, dal flautista Sebastian Wittiber e dall'Orchestra del Teatro Lirico diretti da Christopher Hogwood; due giorni dopo, il 29 novembre, il Belcea String Quartet, interessante quartetto inglese che regalerà al pubblico una serata di sicuro fascino. Sabato 18 dicembre il tradizionale scambio di auguri nel Concerto di Natale, affidato, quest'anno, al Coro di voci bianche del Teatro Lirico, diretto da Enrico Di Maira, che ha riscosso enorme successo di pubblico e critica in Hans Heiling lo scorso Festival di Sant'Efisio.

I Wiener Kammerensemble, complesso da camera dei Wiener Philharmonic, porteranno la febbrile atmosfera del valzer viennese in un'unica imperdibile serata: martedì 18 gennaio. Una serie di prestigiosi concerti cameristici vedranno esibirsi i migliori solisti della scena internazionale nelle più alte pagine della storia della musica: il pianista András Schiff (17 novembre), il violinista Vadim Repin e il pianista Itamar Golan (13 dicembre), il violoncellista Mario Brunello e il pianista Andrea Lucchesini (10 febbraio), il pianista Stephen Hough (1 marzo). Ritorna la musica russa il 21 e 22 gennaio con l'Orchestra del Teatro Lirico, diretta da Hannu Koivula, nella Sinfonia n. 1 di Cajkovskij e, con il pianoforte di Cristina Ortiz, nel Concerto n. 3 di Rachmaninov. Il 27 e il 28 gennaio, due serate d'eccezione che impreziosiscono ulteriormente la Stagione concertistica unendo due grandi forme d'arte: Musica e Cinema. Infatti, verrà proiettato, per la prima volta, dopo un lungo restauro, il film muto di Aldo Benedetti La grazia del 1929, tratto dalla novella di Grazia Deledda "Di notte". L'Orchestra del Teatro Lirico eseguirà dal vivo la colonna sonora che è stata composta per l'occasione da Romeo Scaccia, sensibile compositore cagliaritano.

Il progetto è nato su commissione del quotidiano L'Unione Sarda in collaborazione con il Teatro Lirico di Cagliari. Ancora ottima musica da camera con il prestigioso Quartetto di Fiesole il 2 febbraio in un programma che spazia da Webern a Beethoven e Schubert. Roberto Abbado, per la prima volta a Cagliari, dirigerà l'Orchestra del Teatro Lirico venerdì 1 e sabato 2 aprile accompagnato dal violino solista di Sergeij Khachatrian. Il concerto, di sicuro interesse, prevede Mozart (Concerto in sol maggiore per violino e orchestra) e Mahler (Sinfonia n. 5). Nell'ambito del V Festival di Sant'Efisio, il Coro del Teatro Lirico, diretto da Paolo Vero, è impegnato, il 3 maggio, in un programma corale con musiche di Brahms e Cui; mentre il 5 maggio appuntamento con l'Amsterdam Baroque Orchestra Choir che, insieme al loro direttore Ton Koopman, abituale presenza del podio cagliaritano, propongono la sontuosa solennità della Messa in si minore di Bach.

Il Teatro Lirico di Cagliari, come ormai consuetudine, si propone la divulgazione dell'arte musicale nelle sue migliori espressioni e, per questo motivo, non può non riservare uno spazio al jazz e alla musica popolare. In questa Stagione concertistica 2004-2005 si esibiranno Uri Caine Trio (7 aprile) geniale alchimista di musica jazz e musica classica e Richard Galliano Septet (29 aprile - V Festival di Sant'Efisio) in uno spettacolo dedicato ad Astor Piazzolla di cui il musicista francese è ritenuto l'erede artistico. Il 13 e il 14 maggio la Stagione si chiude con un concerto interamente dedicato alla musica russa di Glinka, Glazunov e Prokofiev. L'Orchestra e il Coro del Teatro Lirico, il mezzosoprano Irina Mishura e il sassofonista Federico Mondelci saranno diretti da Walter Weller.

Sergio Albertini