I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra cookie policy.

100 anni della Volksoper di Vienna

La seconda stagione sotto la direzione di Rudolf Berger sarà caratterizzata da un importante anniversario che il teatro celebrerà con grandi festeggiamenti in autunno, tra cui un galà della Volksoper per inaugurare la stagione. Il nome "Volksoper" è stato attribuito al teatro per la prima volta nel settembre 1904, in aggiunta all'ingombrante e ormai anacronistico "Kaiserjubiläums Stadttheater" (Teatro municipale per il giubileo dell'imperatore). Due anni dopo Rainer Simons, direttore del teatro, gli diede definitivamente il nome con cui oggi tutti lo conoscono. Con il nuovo nome il teatro trovò anche la sua vera dimensione artistica: teatro di intrattenimento per spettacoli di musica di qualità rivolti al vasto pubblico. E il programma della Volksoper continua a mantenere questa promessa.

Le prime della stagione 2004/05

Il cartellone propone tre prime rappresentazione della Volksoper: al capolavoro del tardoromanticismo "Irrelohe" di Franz Schreker (16 ottobre) segue la riscoperta operetta di Emmerich Kálmán "Die Herzogin von Chicago" ("La duchessa di Chicago", 11 dicembre) e uno dei più musical di maggior successo di tutti i tempi, "The Sound of music" di Rodgers e Hammerstein (26 febbraio). Con "Die verkaufte Braut" ("La sposa venduta") di Smetana (30 aprile) la Volksoper ripropone una delle opere più importanti del suo repertorio e in occasione del centenario dalla prima assoluta torna in un nuovo allestimento "Die lustige Witwe" ("La vedova allegra") di Lehár (5 giugno). Il programma dei balletti della Volksoper di Vienna offre titoli conosciuti e nuovi. In cartellone le fortunate produzioni de "Nussknacker" "Lo schiaccianoci", con i ballerini della Staatsoper di Vienna, e "Nudo" (con il corpo di ballo della Volksoper) e la nuova coreografia dal titolo "Alice" (15 giugno) di Giorgio Madia, direttore del corpo di ballo della Volksoper. Completano il ricco programma della stagione 2004/05 concerti e soirées, nonché tre rappresentazioni in forma di oratorio dell'opera di Robert Schumann "Genoveva" (dal 23 gennaio) sotto la guida del maestro Marc Piollet.

Iniziativa "Wieder entdeckte Musik" (La musica riscoperta)

14 ottobre – 18 dicembre
Uno dei principali temi della stagione della Volksoper di Vienna riguarda i drammi musicali che durante il regime nazista furono vietati per vari motivi e banditi quindi dai teatri. La prima dell'opera di Franz Schreker "Irrelohe" (16 ottobre), l'opera di Walter Braunfel "Die Vögel" (dal 1° novembre), il "König Kandaules" di Alexander Zemlinsky (dal 7 novembre) e le seconda prima della stagione, l'operetta raramente allestita "La duchessa di Chicago" (Die Herzogin von Chicago ,11 dicembre) di Emmerich Kálmán, saranno precedute e introdotte dal simposio "Entartete Musik – Wieder entdeck" (13-16 ottobre), al quale interverranno ospiti di spicco che negli ultimi anni, grazie al loro impegno, hanno fornito preziosi contributi alla riscoperta della musica censurata. Il progetto è organizzato in collaborazione con la Staatsoper di Vienna ("Die tote Stadt", 12 dicembre 2004) e con il Museo Ebraico di Vienna che a partire dal 15 dicembre 2004 ospiterà una mostra dedicata a Franz Schreker.

16 ottobre 2004 – "Irrelohe" di Franz Schreker

Gli ultimi due decenni sono stati testimoni della graduale riscoperta delle opere del compositore austriaco Franz Schreker, bandite sotto il regime nazionalsocialista. La prima austriaca dell'opera "Irrelohe" di Schrecker, rappresentata per la prima volta alla Volksoper di Vienna nel 1924, è stata affidata a importanti artisti austriaci: il maestro Dietfried Bernet (tra i cui recenti impegni ricordiamo il Festival di Glyndebourne, la Staatsoper, e la Royal Opera di Stoccolma) e il giovane regista Olivier Tambosi, al suo debutto in uno dei principali teatri della sua città natale dopo i grandi successi del Metropolitan Opera di New York, del Lyric Opera di Chicago e della Royal Opera House Convet Garden di Londra. "Irrelohe", l'avvincente storia di un castello maledetto e dei suoi ospiti, è in programma per l'ultimo trimestre del 2004 nell'ambito dell'iniziativa viennese "Wieder entdeckte Musik".

Direttore d'orchestra: Dietfried Bernet
Regia: Olivier Tambosi
Scene e costumi: Frank-Philipp Schlößmann

Calendario: 20, 24, 31 ottobre, 10, 28 novembre, 1, 5, 17 dicembre

11 dicembre 2004 – "La contessa di Chicago" (Die Herzogin von Chicago) di Emmerich Kálmán

Anche la prima operetta della stagione 2004/05 è un primo allestimento della Volksoper ed è anch'essa di un compositore un tempo censurato. Quando venne messa in scena per la prima volta a Vienna nel 1928, l'operetta di Kálmán, che univa sapientemente il melodramma ungherese e le danze moderne, ottenne un successo strepitoso. La musica di stile americano e la trama ben si accordavano con i gusti di un'epoca che è stata anche testimone del trionfo dell'opera jazz di Ernst Krenek "Jonny spielt auf". A causa degli elementi innovativi tratti dal jazz che Kálmán combinò con le tradizionali melodie della czarda il lavoro fu bollato dai nazisti con l'etichetta di "Entartete Musik" (musica degenerata), il che precluse all'operetta del famoso compositore la possibilità di inserirsi effettivamente nel repertorio dei teatri europei. Con questa nuova versione de "La duchessa di Chicago" (Die Herzogin von Chicago), storia in cui aristocratici dell'impero austro-ungarico incontrano milionari americani, è desiderio della Volksoper di Vienna far avvicinare a quest'operetta un più vasto pubblico.

Se la musica di Kálmán ha mantenuto tutto il brio e il fascino senza tempo, i dialoghi originali oggi sembrano un po' datati. Per questo motivo, la Volksoper ha chiesto al regista Dominik Wilgenbus di curare la stesura di un nuovo libretto de "La duchessa di Chicago" (Die Herzogin von Chicago) avvalendosi della collaborazione del biografo, nonché librettista di Kálmán, Stefan Frey.

Direttore d'orchestra: Karen Kamensek
Regia: Dominik Wilgenbus
Scene: Sascha Weig
Costumi: Gerlinde Höglhammer e Christina Sadjina-Höfer

Calendario: 15, 28 dicembre, 7, 16, 20, 27 gennaio, 4, 28 febbraio, 3 marzo

15 gennaio 2005 – Prima assoluta del balletto "Alice" di Giorgio Madia

Il racconto di Lewis Carrol "Alice nel paese delle meraviglie" trae la sua forza magica dai fantastici mondi di immagini che catturano Alice e il lettore. Giorgio Madia si ispira a questa storia avvincente per la sua nuova coreografia con cui intende "capovolgere" ciò che ci appare "normale".

Prima assoluta, coreografia da un racconto di Lewis Carroll
Coreografia: Giorgio Madia
Musica di Nino Rota
Direttore d'orchestra: Andreas Schüller
Corpo di ballo e orchestra della Volksoper di Vienna

Calendario: 25, 31 gennaio, 8, 16, 20, 22, 25 febbraio, 2, 9, 14, 18, 20 marzo

26 febbraio 2005 – "The Sound of Music" di Richard Rodgers e Oscar Hammerstein

Il quarto titolo del ricco programma della prossima stagione della Volksoper è una nuova produzione di uno dei musical di maggior successo di tutti i tempi. Il solo annuncio di questo progetto ha suscitato non poche discussioni, perché la versione cinematografica di "The Sound of Music" (Tutti insieme appassionatamente) - la storia della famiglia von Trapp che conobbe fortuna come gruppo musicale - con Julie Andrews nel ruolo femminile principale e premiata con 5 Oscar, ha creato negli Stati Uniti un'immagine dell'Austria sconosciuta in patria. A quarant'anni di distanza dal successo del film e nel centenario della nascita di Maria von Trapp (scomparsa nel 1987), la Volksoper di Vienna mette in scena per la prima volta "The Sound of Music".

La produzione della coppia artistica franco-canadese Renaud Doucet (regia e coreografia) e André Barbe (scene e costumi) dimostrerà che questo musical può essere rappresentato anche senza cedere alla sdolcinata atmosfera delle Alpi. Il maestro Erich Kunzel, direttore della Cinicinnati Pops Orchestra, dirige in tutto il mondo sia l'opera che la musica leggera. La sua attività nel campo della musica crossover, che lo ha visto impegnato, tra l'altro, con i King Singers, gli ha valso il titolo di "Most successfull Billboard Classical Crossover Artist", varie nomination al Grammy, nonché il Grammy Award nel 1998.

Direttore d'orchestra: Erich Kunzel
Regia e coreografia: Renaud Doucet
Scene e costumi: André Barbe

Calendario: 1, 6, 12, 21, 28, 30 marzo, 4, 8, 11, 16, 25 aprile, 5, 12, 31 maggio, 12, 15, 26, 27 giugno

30 aprile 2005 – "La sposa venduta" (Die verkaufte Braut) di Bedrich Smetana

Sin dalla sua prima rappresentazione a Praga, nel 1866, questa opera si è inserita tra le più importanti del genere comico ed è una delle punte di diamante del repertorio della Volksoper di Vienna, dove venne allestita per la prima volta 65 anni fa. Il racconto della vita in un villaggio e la musica le cui radici affondano nella tradizione popolare ceca hanno fatto de "La sposa venduta" (Die verkaufte Braut) un'opera celebrativa nazionale ceca e un successo a livello internazionale.

Tra il 1993 e il 1997 Uwe Eric Laufenberg è stato membro del consiglio di amministrazione della Zürcher Schauspielehaus, e successivamente Oberspielleiter al Maxim-Gorki Theater di Berlino. Dal 2000 ha curato la regia di opere liriche all'Opéra Bruxelles (La Monnaie), al Grand Théatre Génève, alla Komische Oper Berlin, alla Semperoper Dresden, al Gran Teatre del Liceu Barcelona, per menzionarne solo alcuni.

Direttore d'orchestra: Marc Piollet
Regia: Uwe Eric Laufenberg
Scene: Christoph Schubiger
Costumi: Jessica Karge

Calendario: 1, 3, 15, 18, 21, 29 maggio, 4, 9, 23 giugno

5 giugno 2005 – "La vedova allegra" (Die lustige Witwe) di Franz Lehár

A cento anni di distanza dalla prima rappresentazione nel 1905, la Volksoper di Vienna propone la settima nuova produzione dell'operetta di maggior successo di tutti i tempi. Da Vienna le sue melodie hanno conquistato il mondo intero e dato fama internazionale al nome del compositore – Franz Lehár. Una stagione della Volksoper di Vienna senza l'operetta tanto popolare e amata, con cui ebbe inizio l'epoca d'argento di questo genere, sarebbe semplicemente impensabile. Il regista e scenografo Daniel Dollé ricostruirà l'atmosfera francese così caratteristica di questa operetta vienesse ambientata a Parigi da un compositore di origini ungheresi. Leopold Hager, che dal 1991 dirige sia al Metropolitan Opera di New York che alla Staatsoper di Vienna, sarà alla sua prima esperienza sul podio della Volksoper per dirigere un'operetta.

Direttore d'orchestra: Leopold Hager
Regia e scene: Daniel Dollé
Costumi: Cathy Strub

Calendario: 8, 19, 24, 30 giugno

CONCERTI, SOIREES, PRIMA DELLA "PRIMA"

Anche per la stagione 2004/05 la Volksoper di Vienna offre al pubblico un ampio programma di appuntamenti speciali. Oltre alle attività legate al repertorio, che comprende opere liriche, operette e musical, la Volksoper intende attribuire maggiore visibilità all'orchestra.

CONCERTI SINFONICI, CONCERTI PER FAMIGLIE, OPERA IN FORMA DI ORATORIO

Oltre a proporre composizioni famose quali la "Patetica" di Pëtr Il'i_ _aikovskij o l'opera "L'amore delle tre melarance" di Sergej Prokofiev la Volksoper offre l'occasione di riscoprire due gioielli musicali, il ciclo di canti di Dmitrij _ostakovic "Dalla poesia popolare ebraica" (Aus jüdischer Volkspoesie) e la suite per orchestra di Zoltán Kodály "Háry János". L'iniziativa "Oper konzertant" (Opera in forma di oratorio) è dedicata questa stagione a Robert Schumann, uno dei più importanti compositori del Romanticismo, la cui opera "Genoveva" viene raramente allestita.

23 e 29 gennaio, 3 febbraio 2005 opera in forma di oratorio "Genoveva" di Robert Schumann
Solisti, coro e orchestra della Volksoper di Vienna
Direttore d'orchestra: Marc Piollet

10 aprile 2005 concerto sinfonico
musiche di Dmitrij _ostakovic e Pëtr Il'i_ _aikovskij
Solisti e orchestra della Volksoper di Vienna
Direttore d'orchestra: Marc Piollet

16 giugno 2005 concerto per famiglie
musiche di Zoltán Kodály e Sergej Prokofiev
Orchestra della Volksoper di Vienna
Direttore d'orchestra: Alfred Eschwé
Moderatori: Birgit Meyer e Alfred Eschwé

SOIRÉE con Christoph Wagner-Trenkwitz

4, 10 e 18 settembre 2004 Galà della Volksopern
La Volksoper inaugura la stagione all'insegna del motto "100 anni – 50 anni" per sottolineare il suo luminoso passato. Il nome "Volksoper" comparve per la prima volta nel 1904, stampato sui programmi del Kaiserjubiläums Stadttheater (Teatro municipale per il giubileo dell'imperatore). A metà degli anni '50 la Volksoper, che per un decennio aveva ospitato gli spettacoli della Staatsoper, in quanto distrutta, fu elevata al rango di teatro federale. Per festeggiare questo duplice giubileo sono in programma concerti con musiche di Mozart, Weber, Strauß, Kienzl, Lehár, Zemlinsky, Bernstein, Cole Porter e tanti altri.
Solisti, coro e orchestra della Volksoper di Vienna

20 novembre 2004 soirée con musica per film: "Wenn Bilder klingen" Una serata con l'orchestra della Volksoper di Vienna e la musica per film scritta da compositori austriaci tra cui Max Steiner, Erich Wolfgang Korngold, Walter Jurmann, Ernst Toch. Direttore d'orchestra: Peter Keuschnig

13 e 17 febbraio 2005 soirée Fritz Grünbaum: "Grüss mich Gott" in occasione del 125mo anniversario della nascita del cabarettista, librettista, attore di teatro e di cinema, autore Ospiti: Karlheinz Hackl e Heinz Marecek con brani del loro programma "Was lachen Sie?"

4 maggio 2005 soirée Fritz Löhner-Beda: "Freunde, das Leben ist lebenswert"
Ospite: Michael Heltau

11 maggio 2005 Galà "Vor 50 Jahren..." La Volksoper nell'Austria libera

PRIMA DELLA PRIMA
moderano l'incontro Birgit Meyer
e Christoph Wagner-Trenkwitz

Irrelohe, 13 ottobre 2004; La duchessa di Chicago (Die Herzogin von Chicago), 7 dicembre 2004; The Sound of Music,
18 febbraio 2005; La sposa venduta (Die verkaufte Braut), 27 aprile 2005; La vedova allegra (Die lustige Witwe), 2 giugno 2005

PER I PIÙ PICCOLI

La Cenerentola per i bambini
Opera di Gioachino Rossini

Oltre a riproporre (15 novembre) l'opera buffa di Rossini, la Volksoper di Vienna presenta questa colorata e fantasiosa produzione di Achim Freyer in una speciale versione dedicata ai bambini. Presenta la serata Erich Schleyer.

18 novembre, 8, 9, 12, 19 dicembre

RIEDIZIONI

Der König Kandaules
Opera di Alexander Zemlinsky, regia: Hans Neuenfels
7, 9, 16, 22 novembre, 2, 14 dicembre

La Cenerentola
Opera di Gioachino Rossini, regia: Achim Freyer
15, 17, 26, 29 novembre, 6, 18, 22 dicembre

La Clemenza di Tito
Opera di Wolfgang Amadeus Mozart, regia: Nicholas Brieger
8, 10, 13, 17, 23, 29 marzo, 13, 21, 24 aprile

La principessa della czarda (Die Csárdásfürstin)
Operetta di Emmerich Kálmán, regia: Robert Herzl
19, 26 marzo, 2, 15, 23 aprile, 2, 8, 17, 28 maggio, 1, 28 giugno

Jurgen Muller