I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra cookie policy.

Marco Spada, romano, critico musicale e musicologo, direttore artistico dell'Ente Concerti Marialisa De Carolis – Teatro di Tradizione, per la nuova stagione operistica sassarese ha scelto un titolo importante e pure divenuto oramai di rara esecuzione (complice il ricordo mitizzato delle interpretazioni date da Maria Callas in diverse produzioni). Si tratta infatti della "Medée", anzi, della "Medea" (come recita una non felicissima edizione in lingua italiana di C.Zangarini della quale si dovrebbe incominciare a fare a meno per preferire la originale versione francese) di Luigi Cherubini, in scena in un nuovo allestimento il 15 e il 17 ottobre. Per la Sardegna tutta, si tratta di una prima esecuzione.

Il 29, 30 e 31 ottobre si torna al repertorio più popolare con una nuova produzione della "Madama Butterfly" in collaborazione con i teatri di Berna, Bolzano, Chieti, Livorno, Lucca, Parma, Pisa, Ravenna, Rovigo e Trento. Il 10 novembre (fuori abbonamento) unica recita di "Haensel und Gretel" di Engelbert Humperdinck, eseguita in lingua originale ed in forma di concerto. Il 26, 28, 30 novembre e il 2 dicembre si chiude con uno dei Verdi più amati, la ripresa di un allestimento de "Il Trovatore". Purtroppo non ci sono stati forniti dati sugli interpreti, le regie e i direttori d'orchestra, ma non appena ottenuti aggiorneremo questa pagina.

Alfredo Dejana