I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra cookie policy.

Vigilia di inaugurazione al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino della Stagione 2004-2005 all’insegna dell’approfondimento di “Kovancina”, il grandioso affresco lirico di Modest Musorsgskij, in scena da venerdì 24 settembre, alle ore 20.30, al Teatro Comunale per la direzione di James Conlon e la regia di Andrei Serban (repliche il 26 e il 29 settembre, il 1 e il 3 ottobre) in coproduzione con Opéra National de Paris Giovedì 23 settembre, alle ore 18, all’Institut Français de Florence (Piazza Ognissanti 2), a cura degli Amici del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Giuseppe Rossi presenterà l’opera. L’incontro è realizzato in collaborazione con l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Sempre giovedì 23, ma alle ore 21, al Piccolo Teatro del Comunale, Fratello popolo, una conversazione-concerto di Piero Mioli a cura dell’Associazione “Il Foyer”. Nell’occasione il basso Umberto Chiummo, accompagnato al pianoforte da Elisabetta Sepe, canterà brani di Musorgskij e Riccardo Massai leggerà brani di autori russi. La prima rappresentazione di Kovancina, dedicata alla memoria di Carlos Kleiber, sarà registrata da RAI Radio3 e trasmessa in differita sabato 2 ottobre.

Le scene ed i costumi sono di Richard Hudson, le luci di Yves Bernard, le coreografie di Laurence Fanon; nel ruolo del Principe Ivan ci sarà Vladimir Ognovenko, affiancato da Clifton Forbis, Robert Brubaker, Valerij Alexeev, Roberto Scandiuzzi, Elena Zaremba, Konstantin Pluzhnikov, Marina Fratarcangeli, Maurizio Lo Piccolo e Max René Cosotti. Secondo appuntamento con il “Così fan tutte” (dal 22/10 al 4/11; la recita del 28 ottobre sarà dedicata a Rolando Panerai in occasione del suo 80° compleanno; lo stesso Panerai sarà in scena quale Don Alfonso per questa occasione); Jonathan Miller, ripresa da Gianfranco Ventura, scene dello stesso Miller, costumi di Sue Blane, luci di Paul Pyant, sul podio Gerard Korsten. Gli interpreti sono Anja Harteros, Monica Bacelli, Marina Comparato, Pietro Spagnoli, Tomislav Muzek / Francesco Meli, Giorgio Surian. “Volevo un foglio”, opera vincitrice del Concorso per i 30 anni dalla fondazione della Scuola di Musica di Fiesole, andrà in scena in prima esecuzione assoluta il 31 ottobre al Teatro Goldoni. Le musiche sono di Antonio Giacometti e Mauro Montalbetti, scene costumi e luci firmate da Giovanna Avanzi e Roberto Tarasco, la regia è di Francesco Micheli; sul podio Carlo Rizzari.

Il 23 e il 25 gennaio al Piccolo Teatro del Comunale, in lingua originale con sopratitoli in italiano, va in scena “Nel paese dei mostri selvaggi” di Oliver Knussen su libretto e disegni originali di Maurice Sendak, in prima esecuzione italiana, per la regia di Amy Luckenbach, ed eseguita dagli Allievi dei Corsi per Cantanti Lirici MaggioFormazione e dall’Orchestra MaggioFormazione in un nuovo allestimento in coproduzione con la Syracuse University of Florence; scene di Marco Fallani, costumi di Kathy Knipple, luci di Alex Koziara. Sempre gli Allievi dei Corsi per Cantanti Lirici MaggioFormazione e l’Orchestra MaggioFormazione sono i protagonisti, il 6 e 7 novembre (al Piccolo Teatro del Comunale) di un dittico composto da “La Canterina” di Franz Joseph Haydn e del “Pigmalione” di Gaetano Donizetti in Icoproduzione con il Teatro Lirico "Giuseppe Verdi" di Trieste con le scene di Pier Paolo Bisleri, i costumi di Franco Gervasio e le luci di Roberto Zanellato; regia di Franco Gervasio, sul podio Carlo Montanaro. Probabilmente l’evento più atteso, ed anche quello più intrigante, è il “Don Carlo” di Verdi che riprende lo spettacolo di Luchino Visconti ripreso da Alberto Fassini e già visto, negli scorsi due anni, a Roma e a Palermo. L’ allestimento è del Teatro dell'Opera di Roma con scene e costumi firmati dallo stesso Visconti e curati per questa ripresa da Alessandro Ciammarughi; la ricostruzione dell'atto di Fontaineblau è del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Lo spettacolo, affidato alla bacchetta di Zubin Mehta, verrà proposto sia nella versione in cinque atti edizione in cinque atti (3, 7, 12, 16 dicembre) che in quella in quattro atti (5, 10, 14, 18 dicembre).

Il cast, doppio, prevede Roberto Scandiuzzi / René Pape [5, 10, 14, 18] nei panni di Filippo II, Sergej Larin / Marcus Haddock [5, 10, 14, 18] in quelli di Don Carlo, Carlo Guelfi / Lucio Gallo [5, 10, 14, 18] come Rodrigo, Paata Burchuladze / Ayk Martirossian [18] come Grande Inquisitore, Barbara Frittoli / Adrianne Pieczonka [5, 10, 14, 18] nel ruolo di Elisabetta di Valois e Violeta Urmana / Dolora Zajick [10, 14, 18] come Principessa Eboli, mentre Gemma Bertagnolli sarà Tebaldo ed Enrico Cossutta il Conte di Lerma. Per il prossimo Maggio Musicale Fiorentino, le anticipazioni sono una nuova produzione di “Tosca” (30 aprile 2005) per la regia di Giorgio Barbiero Corsetti, dirige Zubin Mehta; la ripresa del “Don Giovanni”, sempre con Mehta sul podio e per la regia di Jonathan Miller (8 maggio); un “Giro di vite” proveniente dal Teatro Regio di Torino per la regia di Luca Ronconi con la direzione di Tomas Netopil (27 maggio), per concludere con una nuova produzione del “Boris Godunov” di Musorsgkij diretto da Semyon Bychkov e affidato alla regia di Eimuntas Nekrosius.

Sergio Albertini